Il Museo di Arte Contemporanea di Imperia, anche detto MACI, nasce grazie al lascito della vedova Invernizzi Maria Teresa Dané, cittadina onoraria del comune di Imperia, la quale ha permesso la realizzazione di una esposizione permanente dell’intera collezione di arte contemporanea del marito, l’architetto Lino Invernizzi.

La collezione Invernizzi

Dopo i restauri, Villa Faravelli è stata riaperta al pubblico nel 2005 e per l’occasione è stata organizzata un’esposizione personale di George Baselitz, un famoso e rinomato artista tedesco, che possiede una casa di soggiorno per le vacanze nei pressi di Imperia.

Nel febbraio 2016 la collezione Invernizzi è stata collocata nella villa, sancendo in questo modo la nascita del MACI.

L’intera collezione, visionabile nei giorni di venerdì, sabato e domenica durante l’inverno e nel periodo estivo anche il giovedì, spicca per la presenza dei famosi tagli di Lucio Fontana, artista di fama internazionale, per la scultura di Marino Marini “Cavallo e Cavaliere”.

I tagli di Fontana a Imperia

Sono presenti inoltre quadri come “Paysage” di Robert Delaunay, un dipinto  di Jan Schoonhoven, la “Centaurea selvatica” di Ennio Morlotti e i dipinti di Rocco Borella. Queste appena elencate sono solo alcune delle oltre sessanta opere per un valore totale di 2.5 milioni di euro che vanno a costituire il MACI.

Questa mostra si trova presso la bellissima Villa Faravelli che si affaccia sul porto di Imperia, tale struttura dallo stile razionalista con elementi decorativi rinascimentali è situata tra Porto Maurizio e Oneglia.

Le mostre temporanee

La sua ubicazione, il suo enorme giardino e la sua peculiare planimetria, permettono di allestire, oltre alla collezione permanente, anche mostre temporanee di differenti artisti più o meno noti.

Tra queste possiamo ricordarne alcune che si sono svolte nelle soli primavera ed estate 2017: “DAVID BOWIE. The Real Face“, mostra tributo al Duca Bianco; “VBR. Una mostra di Luca Saini“, una mostra dedicata alla vibrazione sonora; “IN BETWEEN. Una mostra di Carin Grudda“, con le sue statue in bronzo.

L’ampia varietà e le numerose possibilità conseguenti al susseguirsi di differenti eventi che consentono alla popolazione della provincia di Imperia di approfondire le conoscenze in merito all’arte moderna e contemporanea sono possibili grazie all’attività della società cooperativa CMC.

Disposizione delle opere d’arte

Le opere d’arte sono esposte per tutta la villa, sin dall’atrio e la sala dell’arte figurativa del piano terra, luogo in cui poter riflettere interpretando le opere di Umberto Mastroianni, Oscar Saccorotti, Vittorio Tavernari, Emanuele Luzzati, Adolfo Lucarini, Pio Semeghini, Fiorenzo Tomea.

Il ballatoio del primo piano presenta opere del costruttivismo con le sue forme dinamiche, create da Joaquín Rubio Camín, realizzate in pietra e ferro.

Esposizione Astrattismo a Imperia

Ci si muove quindi per i differenti corridoi, quello di destra che offre la possibilità di ammirare le opere di Ennio Morlotti, la sua pittura informale che esprime la natura primitiva nella sua violenza in equilibrio con l’astrazione dell’estro dell’autore.

Non è il caso di proseguire in una pedissequa descrizione di stanze, sale e saloni elencando nomi di artisti non degnandoli di una corretta presentazione.

L’invito è quindi quello di visitare il MACI a Villa Faravelli, entrare sgomberi di pensieri o interessati a sfumarli su queste opere d’arte, per distogliersi dalla frenesia di tutti i giorni.

Entrate quindi senza fretta e godete con la dovuta calma delle opere d’arte esposte nelle stanze di questa splendida villa.

Contatti utili

MACI Villa Faravelli
Viale Matteotti 151, 18100 Imperia (Im)
tel. 0183.297927 – 338.6191434
info@maci.art
www.maci.art

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 5]
Condividi!