La città di Imperia, capoluogo di provincia della Riviera Ligure di Ponente, nasce dall’accorpamento amministrativo avvenuto del 1923 di Porto Maurizio e Oneglia.

I due centri, sebbene separati solo dal torrente Impero, mantengono ancora oggi le differenze che li caratterizzano.

In particolare restano vive le tradizioni e tra queste la più spettacolare è certamente “Ineja“, la festa patronale di Oneglia dedicata a San Giovanni Battista.

Gli stand sulla banchina

Gli stand sulla banchina

Una settimana di festeggiamenti

Ogni anno a fine giugno sacro e profano si mescolano nei bellissimi festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista, santo patrono di Oneglia. Dal 1923, infatti, la città di Imperia festeggia San Leonardo da Porto Maurizio, a novembre, ma Oneglia ha mantenuto nel tempo la sua tradizionale celebrazione estiva.

I festeggiamenti, organizzati da 35 anni dal Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi, durano tutta la settimana del 24 giugno e si svolgono lungo il porto, tra la spianata di Borgo Peri e Calata Cuneo.

L’area della banchina si popola di stand espositivi, dove è possibile fare shopping, ammirare l’artigianato locale e assaporare le specialità tipiche, grazie alla fiera mercato Mercantineja.

Gli stand gastronomici, sempre molto frequentati, servono ogni sera squisitezze del territorio ligure tra cui il celebre stoccafisso all’onegliese cucinato nelle “pentole dei record” Giuvanina e Battistina.

pentola giuvanina con lo stoccafisso a Imperia

La mitica pentola Giuvanina dove viene cotto lo stoccafisso

Ma si possono anche assaggiare i frisciö (frittelle tipiche della tradizione locale), fritture di pesce freschissimo, pasta al pesto, e molto altro ancora.

Passare una serata in compagnia della propria famiglia o dei propri amici in quest’aria di festa, mangiando e ascoltando musica, è ogni anno uno degli eventi più piacevoli dell’estate.

Mangiare alla festa di San Giovanni

L’area predisposta alla cena

All’interno dell’area spettacoli hanno luogo, invece, eventi di vario tipo: musica, intrattenimento, cultura, dimostrazioni sportive, concorsi di pittura e mostre fotografiche.

La sera si balla fino a tarda notte con concerti e dj set.

È presente anche uno spazio dedicato ai bambini, dove è allestito un parco giochi per tutti i più piccoli.

24 giugno: il grande giorno

I festeggiamenti culminano il 24 giugno, giorno dedicato a San Giovanni Battista, santo patrono di Oneglia.

Alle 11 del mattino la Santa Messa Pontificale è celebrata dal vescovo nel duomo cittadino, meglio conosciuto come collegiata di San Giovanni Battista. Costruita verso la metà del 1700, è un magistrale esempio di stile tardo barocco genovese situato in pieno centro storico, nella via e piazza omonima.

Dopo i Vespri, alle 18.00 prende il via la solenne processione religiosa a cui partecipano, oltre al clero del Vicariato e alle autorità, anche le numerose e antiche Confraternite e le aggregazioni laicali cittadine. Statue e crocifissi provenienti dalla chiese vicine vengono portate in processione lungo le vie del centro, offrendo uno spettacolo unico e suggestivo.

Infine, alle 23.00 inizia il tradizionale grande spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio sul mare per celebrare la fine della bellissima festa patronale di Oneglia dedicata a San Giovanni Battista.

Serate a San Giovanni

Le serate durante la festa

I fuochi sono ogni anno sempre più belli e suggestivi. L’occasione perfetta per ritrovarsi sulle passeggiate del lungo mare di Oneglia insieme agli amici o al proprio partner.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 2 Media: 4.5]
Condividi!