Prima di parlarvi di Borgo Foce a Porto Maurizio, cerchiamo brevemente di capire come si è costituita Imperia.

La città di Imperia, nasce dall’accorpamento amministrativo avvenuto all’inizio dello scorso secolo delle cittadine di Oneglia e Porto Maurizio e di altri piccoli comuni vicini.

Sebbene i due centri siano da sempre confinanti e separati solo dal torrente Impero, la loro identità rimane ancora oggi spiccatamente differente.

Secondo un’antica tradizione, gli abitanti di Porto Maurizio vengono soprannominati “Cacelòtti“, in quanto nei secoli passati i boia per le esecuzioni capitali appartenevano alla locale famiglia dei Cacello. Per contro, gli abitanti di Oneglia vengono detti “Ciantafùrche“, ovvero costruttori di forche, poiché costruivano il patibolo per le esecuzioni capitali su uno scoglio piatto affacciato sul mare chiamato proprio per questo motivo “e giustìxie”, cioè le giustizie.

Porto Maurizio, in particolare, conserva la sua anima antica.

Borgo Foce Imperia Parasio

Il Parasio che sovrasta Borgo Foce

Storicamente la cittadina si componeva di tre borgate principali: Borgo Parasio, posto in cima al promontorio; Borgo Marina, a levante; e infine Borgo Foce, a ponente. Vi erano poi altri piccoli agglomerati che nel tempo si sono fusi al tessuto urbano allargatosi fino ad inglobare alcune frazioni nell’entroterra.

Borgo Foce

Chiamato comunemente dagli abitanti semplicemente “la Foce“, il borgo si sviluppa allo sbocco del torrente Caramagna, sul versante ovest della magnifica collinetta del Parasio.

Borgo Foce centro

Borgo Foce recentemente riqualificato

Antico e davvero suggestivo, era un tempo un villaggio di pescatori di cui rimane oggi il piccolo porticciolo per barche da pesca (i tipici gozzi liguri) intitolato al marinaio Emanuele Aicardi.

In passato, a causa degli insabbiamenti continui che affliggevano la zona portuale della città, gli sbarchi avvenivano spesso nel braccio di mare antistante al borgo della Foce. Tuttavia, la mancanza di consistenti strutture di riparo dalle onde, almeno fino allo scorso secolo, rendevano talvolta difficili le operazioni, costringendo le navi ad attendere per giorni che il mare fosse calmo.

Come in quasi tutti i borghi liguri costruiti in riva al mare, le abitazioni affacciavano direttamente sulla spiaggia, dove venivano tirate in secca le barche da pesca. Spesso, nel periodo invernale, le mareggiate arrivavano a colpire le facciate delle case, costruite anche per questo motivo con un’inclinazione maggiore alla base che rendeva la stessa più ampia e solida; caratteristica ancora visibile nelle costruzioni che compongono l’incantevole Borgo Foce.

Borgo foce case pescatori

Ticpiche case liguri a Borgo Foce

Nel 2014 l’intera area è stata magistralmente riqualificata e resa quasi completamente pedonale, valorizzando ulteriormente questa zona così suggestiva.

La bellezza particolare del Borgo della Foce ha richiamato nel tempo l’attenzione di numerosi artisti e ha fatto da sfondo ad alcuni set cinematografici.

La passeggiata degli innamorati

Ad est della piccola spianata intitolata al pittore Luigi Varese, che proprio qui a fine Ottocento risiedeva e realizzava le sue opere, inizia la stupenda passeggiata dedicata a Domenico Moriani, giovane partigiano nato alla Foce e trucidato dai nazisti nell’ottobre del 1944 all’età di soli 19 anni.

Sebbene la pendenza non sia irrilevante, la passeggiata, che consente di raggiungere il vicino Borgo Marina, è percorribile con estrema facilità, in particolare dopo i recenti lavori di riqualificazione.

Il percorso, di circa 10 minuti, si sviluppa a picco sul mare in mezzo a tipici cespugli della macchia mediterranea che inebriano i sensi con i loro caratteristici aromi.

Vi sono inoltre alcune panchine e spazi creati appositamente per poter gustare al meglio il panorama mozzafiato. Proprio in ragione della sua bellezza romantica, la passeggiata è detta “degli innamorati“.

Soprattutto in primavera e in estate è facile trovare coppiette che si giurano eterno amore e si abbracciano volgendo lo sguardo all’orizzonte.

Passeggiata degli innamorati alla Foce di Porto Maurizio

La passeggiata degli Innamorati che unisce la Foce e la Marina

I ristoranti e i locali

Soprattutto a seguito della ben riuscita riqualificazione dell’area, Borgo Foce è ancora di più il luogo ideale per pranzare, cenare o bere qualcosa in uno dei suoi suggestivi locali.

Specialmente in estate, sono numerosi i piacevoli dehors all’aperto affacciati sul mare dove mangiare o semplicemente gustare un buon bicchiere di vino o un aperitivo.

Borgo foce ristoranti

A Borgo Foce sono numerosi i ristoranti che offrono specialità marinare

I ristoranti, piccoli e curati, offrono piatti tipici della tradizione ligure e ottime pizze. È inoltre possibile bere vini e cocktail di qualità nei locali dedicati.

Borgo Foce è indubbiamente uno dei luoghi affacciati sul mare più belli e suggestivi della città di Imperia.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 23 Media: 4]
Condividi!